Cosa prevede l’Ecobonus al 110% per le coperture?

La nuova normativa contenuta nel Decreto Rilancio consente di usufruire della detrazione fiscale del 110% per interventi rivolti al miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici. Tra i quali, ad esempio, rientrano la coibentazione del tetto o la realizzazione di impianti fotovoltaici.

Nella ristrutturazione del tetto è necessario rispettare alcuni vincoli per  avere diritto all’Ecobonus con aliquota del 110%, in particolare:

• la superficie della copertura deve incidere per almeno il 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio;

• gli interventi realizzati devono portare l’edificio ad un miglioramento di almeno di due classi energetiche,  o consentire il raggiungimento della classe energetica più alta;

• essere persona fisica o condominio.

In sintesi, questa è la documentazione da produrre:

attestazioni di Prestazione Energetica – APE ante e post intervento – a firma di professionista abilitato, che assevera il rispetto dei requisiti tecnici necessari;

– rilascio del visto di conformità che giustifica la congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi realizzati. Il visto è rilasciato dai soggetti incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni (dottori commercialisti, ragionieri, periti commerciali e consulenti del lavoro) e dai responsabili dell’assistenza fiscale dei CAF.

comunicazione all’ENEA, come già previsto per le altre precedenti detrazioni.

Le coperture rientrano a pieno titolo fra gli interventi trainanti del decreto quando sono rispettate le condizioni previste dell’Agenzia delle Entrate in materia, ovvero quando la copertura stessa sottende un volume già riscaldato.

Per tali interventi il Superbonus è calcolato su un ammontare complessivo delle spese pari a:

• 50.000 euro, per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari funzionalmente indipendenti site all’interno di edifici plurifamiliari;

• 40.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, se lo stesso è composto da due a otto unità immobiliari;

• 30.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, se lo stesso è composto da più di otto unità.

Cotto Possagno, grazie alla ricerca e all’esperienza sviluppata nelle coperture ventilate, propone 4 soluzioni tetto complete per elevate prestazioni tecniche.

Ogni pacchetto combina, sfruttandone al meglio le caratteristiche, tutti gli elementi necessari per comporre il sistema tetto.

Per saperne di più sulle nostre soluzioni e sui sistemi di ancoraggio e ventilazione visita le pagine SOLUZIONI TETTO e IL TETTO D’IDENTITA’.

Gli impianti solari rientrano nel Superbonus del 110%?

L’installazione di impianti  fotovoltaici, eseguita congiuntamente a uno degli interventi trainanti di isolamento termico delle superfici opache o di sostituzione degli impianti di climatizzazione nonché a quelli di natura antisismica, dà diritto anch’esso al Superbonus del 110%.   

Il fotovoltaico solare è considerato elemento trainato se rispetta alcune   semplici regole:

  • installazione degli impianti eseguita congiuntamente a uno degli interventi trainanti di isolamento termico delle superfici opache o di sostituzione degli impianti di climatizzazione nonché antisismici che danno diritto al Superbonus.
  • cessione in favore del GSE dell’energia non auto-consumata in sito o non condivisa per l’autoconsumo .

  Il Superbonus si applica alle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

Da ricordare infine che la detrazione è calcolata su un ammontare complessivo delle spese stesse non superiore a 48.000 euro e, comunque, nel limite di spesa di 2.400 euro per ogni kW di potenza nominale dell’impianto fotovoltaico, per singola unità immobiliare.  

Questo limite è ridotto a 1.600 euro per ogni kW di potenza nel caso in cui sia contestuale a un intervento di ristrutturazione edilizia, di nuova costruzione o di ristrutturazione urbanistica.

Come usufruire di un impianto solare, senza rinunciare all’estetica della copertura?

E-Coppo ed E-Tegola sono i coppi e tegole fotovoltaici brevettati da Cotto Possagno che permettono di sfruttare l’energia solare mantenendo la bellezza e il fascino delle coperture in cotto.

Il risultato è una copertura sostenibile e che rispetta non solo l’ambiente, ma anche le tradizioni architettoniche che rendono unici i paesaggi del nostro Paese.


Newsletter

Letta e compresa l'informativa sulla privacy consultabile qui richiedo l'invio della vostra newsletter

INDUSTRIE COTTO POSSAGNO S.p.A.
Contatti:
E. info@cottopossagno.com
Tel: +39 0423 920 777
Fax: +39 0423 920 707

TOP
INDUSTRIE COTTO POSSAGNO S.p.A. - Cod. Fiscale, P. IVA e Reg. Imp. TV n. 03321030268 - R.E.A. TV n. 262004 - Cap. Soc. € 25.500.000,00 i.v. - SDI: M5UXCR1